Aggiornamento su COPYRIGHT

Il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, è pronto a non recepire la normativa di derivazione europea sul copyright, se il testo della proposta sarà confermato dal Parlamento europeo. La proposta, approvata dalla commissione giuridica del Parlamento europeo, punta a introdurre regole più severe sulla protezione del diritto d’autore, che potrebbero avere effetti sulla libera circolazione delle informazioni online. Secondo il ministro la normativa introdurrebbe un bavaglio alla rete, a causa della cosiddetta link tax a carico delle grandi piattaforme online, come Google e Facebook. Dalla Commissione fanno sapere tramite una portavoce che "la riforma UE del copyright, in particolare l'art. 13 sui contenuti caricati dagli utenti, "non è 'censura' e non costituisce un obbligo di monitoraggio generale, come confermato dai servizi legali". E quanto all'art. 11 "non è questo il caso" di una tassa sui link, in quanto "la Commissione ha messo in chiaro" che "i diritti proposti per gli editori non impatteranno sulla capacità della gente di fare link ai siti dei giornali online" - CorCom