Subappalto e Autostrade per l’Italia, la sentenza della Corte di Giustizia Ue.

Subappalto e Autostrade per l’Italia, la sentenza della Corte di Giustizia Ue

La Corte di Giustizia Ue, giovedì 26.09.2019 ha esaminato la Domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dal Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Italia) il 1° febbraio 2018 – Vitali S.p.A. / Autostrade per l’Italia S.p.A. (Causa C-63/18), che contiene la Questione pregiudiziale: Se i principi di libertà di stabilimento e di libera prestazione di servizi, di cui agli articoli 49 e 56 del Trattato sul Funzionamento dell'Unione Europea (TFUE), l’articolo 71 della direttiva 2014/24 del Parlamento europeo e del Consiglio del 26 febbraio 20141 , il quale non contempla limitazioni quantitative al subappalto, e il principio eurounitario di proporzionalità, ostino all’applicazione di una normativa nazionale in materia di appalti pubblici, quale quella italiana contenuta nell’articolo 105, comma 2, terzo periodo, del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, secondo la quale il subappalto non può superare la quota del 30 percento dell’importo complessivo del contratto di lavori, servizi o forniture.

Per la sentenza, cliccare qui

http://curia.europa.eu/juris/document/document.jsf?text=&docid=218281&pageIndex=0&doclang=IT&mode=req&dir=&occ=first&part=1&cid=520360

Per questi motivi, la Corte (Quinta Sezione) dichiara:

La direttiva 2014/24/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 febbraio 2014, sugli appalti pubblici e che abroga la direttiva 2004/18/CE, come modificata dal regolamento delegato (UE) 2015/2170 della Commissione, del 24 novembre 2015, deve essere interpretata nel senso che osta a una normativa nazionale, come quella di cui trattasi nel procedimento principale, che limita al 30% la parte dell’appalto che l’offerente è autorizzato a subappaltare a terzi.