Strategia nazionale sullo sviluppo sostenibile. Gennaio 2019

STRATEGIA NAZIONALE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE

 

SINTESI DELLA RELAZIONE ATTIVITÀ 2018

 

 

In ottemperanza a quanto previsto dall’art. 2 comma 4 della Delibera CIPE n. 108/2017 “Approvazione della strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile”, il Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare riferisce al CIPE entro il 31 dicembre di ciascun anno a partire dal 2018, sugli esiti della rendicontazione e del monitoraggio delle azioni intraprese e sui risultati ottenuti in merito all’attuazione della Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile.

L’Italia è stata protagonista nel processo di costruzione, sottoscrizione e lancio della nuova Agenda internazionale in materia di sviluppo sostenibile dal titolo: “Trasformare il nostro mondo: l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile” (Transforming our world: The 2030 Agenda for Sustainable Development), adottata al Vertice delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile del settembre 2015 alla presenza del Presidente del Consiglio.

La Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile (in seguito SNSvS), come previsto dal Dlgs 221/2015, ha sostituito la Strategia Nazionale di azione ambientale (2002) e prevede un aggiornamento triennale. La SNSvS definisce il quadro di riferimento nazionale per i processi di pianificazione, programmazione e valutazione di tipo ambientale e territoriale, in attuazione dell’art. 34 del Dlgs 152/2006 e ss.mm.ii. e costituisce lo strumento di coordinamento dell’attuazione dell’Agenda 2030 in Italia. Il medesimo articolo prevede al comma 4 che le Regioni e le Province Autonome approvino le proprie Strategie di sviluppo sostenibile entro un anno dall’approvazione della strategia nazionale, specificando che “le strategie regionali indicano insieme al contributo della regione agli obiettivi nazionali, la strumentazione, le priorità, le azioni che si intendono intraprendere. In tale ambito le regioni assicurano unitarietà all'attività di pianificazione”.

La SNSvS è stata successivamente approvata dal CIPE il 22 dicembre 2017, con Delibera n. 108/2017 e pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 15 maggio 2018.

La versione finale del documento contiene dunque una serie di scelte strategiche e obiettivi nazionali non quantificati articolati all’interno di 6 aree (Persone, Pianeta, Pace, Prosperità, Partnership e Vettori di sostenibilità), cui è associato un elenco preliminare di strumenti di attuazione individuati nel processo di consultazione istituzionale.

Si stabilisce un sistema di governance per l’attuazione della SNSvS, attribuendo alla Presidenza del Consiglio dei Ministri un ruolo di coordinamento e gestione, con la collaborazione del MATTM per la dimensione interna e del MAECI per la dimensione esterna. Al Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) è affidato il compito di raccordare l’attuazione della Strategia con i documenti ufficiali di politica economica e di coordinare la modellistica necessaria alla definizione degli obiettivi relativi.

La governance per l’attuazione della SNSvS è stata ripresa e descritta nel testo della Delibera CIPE n. 108/2017, dove si prevede che il MATTM proponga all’approvazione del CIPE il documento di attuazione, da redigere di concerto con gli altri Ministeri. Si prevede, inoltre, che lo stesso MATTM costituisca un tavolo inter-istituzionale - composto dalle Regioni, dal MEF e dagli altri Ministeri, secondo le materie di competenza - ai fini dell’affinamento dei contenuti della Strategia e dell’identificazione delle necessarie azioni di coordinamento. Questo anche tramite la predisposizione di una piattaforma informatica dedicata che possa costituire altresì il supporto informativo per il monitoraggio della Strategia medesima. Il MATTM è, infine, responsabile della rendicontazione e del monitoraggio annuale.

In tale documento si conferma la responsabilità del MATTM in merito al Forum per il coinvolgimento della società civile.

Il 16 marzo 2018, la Presidenza del Consiglio ha emanato la “Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri recante indirizzi per l’attuazione dell'Agenda 2030 delle Nazioni Unite e della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile”. Al fine di assicurare il coordinamento è infatti istituita, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri la "Commissione nazionale per lo sviluppo sostenibile" presieduta dal Presidente del Consiglio dei Ministri, o da un suo delegato, e composta da ciascun Ministro, dal Presidente della Conferenza delle Regioni, dal Presidente dell'Unione delle Province d'Italia e dal Presidente dell'Associazione nazionale dei comuni italiani, o loro delegati. Il ruolo di coordinamento tecnico delle attività è affidato al Dipartimento per la Programmazione Economica (DIPE) e ciascun Ministero, nell'ambito delle rispettive competenze, attua la SNSvS e persegue gli obiettivi di sviluppo sostenibile. Al MATTM è affidato, inoltre, il compito di assicurare forme di consultazione pubblica in merito all’attuazione della Strategia nazionale.

In attesa della definizione del previsto documento di attuazione, e al fine di supportarne l’elaborazione, il MATTM – DG SVI ha avviato nel 2018 una serie di attività legate anche all’attuazione del succitato art. 34 del Dlgs 152/2006 e ss.mm.ii. Tali attività sono riconducibili a tre ambiti principali:

1. Attuazione nazionale.

In primo luogo, con nota prot. 1991 del 2 marzo 2018, il MATTM – DG SVI ha invitato la Presidenza del Consiglio, il MAECI, MEF, ISTAT e ISPRA alla costituzione di un tavolo di lavoro sugli indicatori per l’attuazione della SNSvS. Il tavolo sta elaborando una proposta tecnica relativa alla selezione di indicatori da associare alle scelte strategiche nazionali e agli obiettivi strategici della SNSvS, nell’ambito del più ampio sistema di indicatori che ISTAT e il Sistema Statistico Nazionale stanno progressivamente definendo per il monitoraggio internazionale dell’attuazione dell’Agenda 2030. Gli indicatori scelti dovranno garantire la massima interazione con gli indicatori di benessere equo e sostenibile, che dal 2018 sono obbligatoriamente integrati nel Documento di Economia e Finanza, al fine di garantire l’integrazione con i processi di valutazione delle politiche pubbliche in atto.

Nel dicembre 2018, inoltre, il MATTM ha lanciato la costituzione del Forum per lo Sviluppo Sostenibile nell’ambito della Prima Conferenza Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile.

2. Supporto a Regioni e Province Autonome per l’attuazione della SNSvS e l’elaborazione delle Strategie regionali per lo sviluppo sostenibile.

Nel corso del 2018 il MATTM – DG SVI ha avviato una serie di iniziative che rispondono alle richieste formulate nel parere reso dalla Conferenza Stato-Regioni alla Delibera CIPE 108/2017, finalizzate a supportare l’elaborazione delle strategie regionali per lo sviluppo sostenibile. In particolare, è stato avviato nell’aprile 2018 un tavolo di confronto con le Regioni e le Province Autonome che costituisca un luogo entro cui attivare scambi e garantire un coordinamento metodologico dei processi di definizione delle singole strategie di sostenibilità, anche in termini di contributo all’attuazione della strategia nazionale. Il tavolo coinvolge oggi il MATTM, con la piena intenzione di ampliare la partecipazione alle altre amministrazioni centrali, a partire da MEF e MAECI, come peraltro richiesto dalle Regioni.

Inoltre, sono stati definiti accordi tra il MATTM e le Regioni e Province Autonome ai sensi della Legge 7 agosto 1990, n. 241, art. 15, nell’ambito dell’Avviso Pubblico finalizzato alla presentazione di manifestazioni di interesse per il finanziamento di attività di supporto ai percorsi di elaborazione delle strategie regionali e provinciali di sviluppo sostenibile, pubblicato il 3 agosto 2018. Inoltre, attraverso il finanziamento del Progetto CREIAMO PA a valere sui fondi strutturali (PON Governance e Assistenza Tecnica), sono stati attivati specifici percorsi di affiancamento tecnico ai processi regionali e provinciali.

Nel riconoscere il contributo sostanziale delle politiche di coesione per l’attuazione della SNSvS, sono state infine avviate attività nell’ambito della Rete delle Autorità Ambientali e della Programmazione, finalizzate a garantire il raccordo tra i processi di definizione delle strategie regionali per lo sviluppo sostenibile e la politica di coesione, con particolare riferimento al prossimo periodo di programmazione (2021/2027).

3. Ricerca, divulgazione e sensibilizzazione.

Seguendo quanto previsto dal citato art. 34 del Dlgs 152/2006 e ss.mm.ii., il MATTM – DG SVI ha avviato alcune iniziative finalizzate all’attuazione del comma 6, che supportano la ricerca, la sensibilizzazione e la divulgazione sui temi legati all’attuazione della SNSvS e dell’Agenda 2030.

Entro i primi mesi del 2019 il MATTM – DG SVI prevede di pubblicare un bando rivolto a Università, Enti di ricerca e Fondazioni che abbiano chiaramente indicato nello statuto come scopo principale la promozione dello sviluppo sostenibile e della cultura della sostenibilità. Il bando sarà finalizzato a sostenere attività di ricerca finalizzate all’attuazione della SNSvS e dell’Agenda 2030. Le risorse stanziate saranno pari a € 1.200.000.

Le iniziative finanziabili comprenderanno progetti di ricerca dedicati, attività di divulgazione scientifica, nonché l’introduzione dei temi dello sviluppo sostenibile legati all’attuazione della SNSvS e dell’Agenda 2030 negli insegnamenti, esistenti e in programma, dei corsi di laurea interessati. In ottemperanza al predetto comma 6, saranno infine incoraggiati lo scambio e la condivisione di esperienze e contenuti tecnico-scientifici in materia di policy per lo sviluppo sostenibile.

 

a cura del Dott. Massimo Di Lorenzo

 

 

 

 


Allegati