Camera dei deputati - 5-03784 - Interrogazione sulla mancata previsione di misure volte ad aumentare i contratti di formazione per medici specializzandi e le borse per la medicina generale constatata dalla Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri.

Camera dei deputati - 5-03784 - Interrogazione a risposta in Commissione presentata il 30 marzo 2020.

Al Ministro della salute, al Ministro dell'università e della ricerca, al Ministro dell'economia e delle finanze. — Per sapere – premesso che:

secondo quanto si evince da fonti di stampa, sembrerebbe che la Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri abbia lamentato la mancanza, nei recenti decreti predisposti dal Governo per contrastare la malattia Covid-19, di misure volte ad aumentare i contratti di formazione per medici specializzandi e le borse per la medicina generale;

secondo quanto affermato agli organi di stampa, infatti, pare che la mancanza di medici specializzati e già pronti e abilitati a gestire situazioni di emergenza (come quella in corso determinata da epidemia da Covid-19) sia determinata dal mancato stanziamento, nel corso del tempo, di risorse destinate ad aumentare i predetti contratti, così da consentire al maggior numero possibile di laureati in medicina e chirurgia di iniziare il percorso formativo e da incrementare il numero finale di medici specializzati disponibili a entrare in servizio;

pare che il Governo, nonostante ritenga importante lo stanziamento di risorse volte a incrementare le borse di studio per le specializzazioni mediche al fine di porre rimedio a quello che comunemente viene indicato come «imbuto formativo», non abbia ritenuto necessario e urgente disporre tale misura nell'ambito dei decreti elaborati per il contrasto dell'emergenza connessa al Covid-19 –:

se il Governo non intenda adottare iniziative, per quanto di competenza, volte allo stanziamento di risorse finalizzate a incrementare i contratti di formazione specialistica per i medici neolaureati, al fine di consentire al maggior numero possibile di laureati in medicina e chirurgia di iniziare il percorso formativo e, nel più breve tempo possibile, di rendersi disponibili a entrare in servizio presso le strutture sanitarie pubbliche con una preparazione e una esperienza adeguata a curare i pazienti anche in situazioni di emergenza.
(5-03784)

Contenuto pubblico