Camera dei Deputati – 4-07999 - Interrogazioni sulle misure restrittive per le regioni che hanno avuto significativa incidenza su diverse categorie produttive, in particolare sui servizi di ristorazione.

Camera dei Deputati – 4-07999 - Interrogazioni a risposta scritta presentata il 13 gennaio 2021.

Al Ministro dell'economia e delle finanze, al Ministro dello sviluppo economico. — Per sapere – premesso che:

con gli articoli 2 e 3 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 3 dicembre 2020 sono state introdotte espresse misure restrittive per le regioni collocate – secondo le indicazioni di cui alle emanande ordinanze del Ministro della salute – rispettivamente, in uno «scenario di tipo 3» con un livello di rischio «alto», e in uno «scenario di tipo 4», parimenti con un livello di rischio «alto»;

le suddette misure, com'è noto, hanno avuto significativa incidenza su diverse categorie produttive e, in particolare sulle attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), che, infatti: a) per lo scenario di tipo 4, sono state limitate alla sola consegna a domicilio; b) per lo scenario di tipo 3, anche all'asporto; c) infine, comunque, per le meno restrittive zone gialle, con l'imposizione dell'orario di chiusura al pubblico alle ore 18.00;

con decreto-legge 18 dicembre 2020, n. 172, le misure di cui al citato articolo 3, vale a dire quelle connesse ad uno scenario di tipo 4, sono state applicate sull'intero territorio nazionale, per tutto il periodo compreso tra il 24 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021, fatta eccezione per le giornate del 28, 29 e 30 dicembre, nonché del 4 gennaio, durante le quali si è imposta l'applicazione delle misure di cui all'articolo 2 del citato decreto del Presidente del Consiglio dei ministri;

l'articolo 2 del citato decreto-legge n. 172 del 2020, al fine di sostenere gli operatori dei settori economici interessati dalle misure restrittive introdotte col medesimo decreto-legge, ha previsto l'erogazione di un contributo a fondo perduto, con riferimento ai soggetti che alla data di entrata in vigore del medesimo decreto fossero titolari di attività riferibili ai codici Ateco riportati nella tabella allegata;

le durature e stringenti limitazioni imposte al settore delle attività di ristorazione, incidono, in modo grave anche sulle attività connesse direttamente e indirettamente con lo stesso settore, come, ad esempio, quella dei fornitori diretti delle medesime attività, i quali, infatti, nel fornire la merce direttamente alle attività di ristorazione, allo stato, hanno subito una notevole, pressoché totale, contrazione delle relative attività;

pur essendo pacifico ed evidente che le restrizioni imposte alle attività di ristorazione si riflettano inevitabilmente anche sui citati fornitori, il Governo non li ha inclusi tra le attività meritevoli di accedere ai contributi di cui al citato articolo 2 del medesimo decreto –:

 se siano a conoscenza dei fatti sopraesposti e quali iniziative normative intendano assumere al fine di prevedere idonei benefici anche in favore degli operatori economici la cui attività risulta indiscutibilmente connessa con quella dei servizi di ristorazione e, in particolare, in favore dei fornitori diretti delle attività di ristorazione.
(4-07999)

Contenuto pubblico