Camera dei Deputati – 4-03851 – Interrogazione sulla realizzazione del progetto di circonvallazione di Demonte in provincia di Cuneo.

Camera dei Deputati – 4-03851 – Interrogazione a risposta scritta presentata il 18 ottobre 2019.

 — Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, al Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo. — Per sapere – premesso che:

la strada statale 21, che collega il sud del Piemonte con il sud della Francia attraverso il Colle della Maddalena e collega in particolare la città di Cuneo con Gap (Hautes-Alpes, Paca), attraversa i comuni di Demonte e Aisone, ove la strada passa all'interno dei centri abitati con strettoie pericolose sia per la transitabilità ordinaria sia per la sicurezza statica degli edifici prospicienti; detta strada statale è percorsa ogni giorno da oltre mille mezzi pesanti (autorimorchi o autoarticolati), in parte, per il trasporto merci tra Italia e Francia e, in parte, per il trasporto di acque minerali prodotte in lata valle;

il consiglio di amministrazione dell'Anas approvava già nel 2008 un progetto preliminare per una variante alla strada statale 21 «Colle della Maddalena» in provincia di Cuneo, che prevedeva una spesa complessiva dell'opera di circa 252 milioni di euro da realizzarsi in tre lotti, di cui il primo (variante di Demonte) era inserito già nel contratto di programma di Anas 2007-2011, con previsione d'appaltabilità nel 2009;

il primo lotto ha visto la progettazione di due varianti, la prima quasi completamente in sotterraneo, con un costo complessivo di investimento pari a circa 100 milioni di euro; la seconda con un tracciato più breve a valle dall'abitato, con un sola galleria, di circa 500 metri di lunghezza, e un viadotto, di pari lunghezza (per la quale è stato elaborato nel 2011 uno studio di fattibilità condiviso dagli enti locali) con un investimento complessivo di circa 51 milioni;

la seconda soluzione è stata inserita dal Ministro delle infrastrutture e dei trasporti nella programmazione 2016-2020;

il sindaco di Demonte dal giugno 2016 ha dovuto ridurre la circolazione dei mezzi pesanti all'interno del centro abitato per consentire la realizzazione di opere di ristrutturazione di edifici del 1600 di grande pregio storico e artistico, che presentano lesioni strutturali a causa del traffico pesante, con la deviazione del senso di marcia in direzione Francia sulla strada provinciale 337 fino a dicembre 2016 per i mezzi pesanti;

il progetto definitivo relativo all'intervento – strada statale 21 della Maddalena variante di Demonte e Vìnadio (Airone) lotto I – variante di Demonte, inserito nel contratto di programma 2016-2020, è stato sottoposto, ai sensi dell'articolo 215, commi 3 e 5, del decreto legislativo n. 50 del 2016, all'esame del Consiglio superiore dei lavori pubblici, che si è espresso con parere n. 39 del 21 giugno 2018 favorevole con osservazioni;

con avviso pubblico del 30 maggio 2018, protocollato dal comune di Demonte il 5 giugno 2018, Anas ha avviato la procedura di valutazione d'impatto ambientale; in virtù di ciò è atteso il parere dei Ministeri competenti per poter disporre la gara d'appalto dell'opera in questione;

con parere rilasciato il 27 settembre 2019, il Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo ha dato indicazione negativa all'ipotesi di galleria, con particolare riferimento alle possibili interferenze fra la realizzazione della galleria di esodo e la conservazione dei resti del «forte della consolata»;

il progetto di circonvallazione risulta dunque oggi definitivamente bloccato –:

quali iniziative intendano adottare i Ministri interrogati per realizzare la circonvallazione di Demonte, visti i danni strutturali che il traffico pesante sta causando ai centri abitati, i rischi per la salute dei cittadini e la necessità di salvaguardare nel futuro le ristrutturazioni messe in opera dal comune di Demonte;

se i fondi previsti per la realizzazione del progetto bocciato siano disponibili per ulteriori ipotesi progettuali.

(4-03851)