Energia: Canete, con nuovi target, Ue -45% emissioni al 2030

 

20.6.2018 Ansa BRUXELLES - Se confermato da Consiglio Ue ed Europarlamento, l'obiettivo di consumo rinnovabili al 32% nel 2030 stabilito la settimana scorsa insieme al target del 32,5% di efficienza energetica su cui c'è stato l'accordo nella notte permetterebbero all'Unione europea "di aumentare l'obiettivo di riduzione delle emissioni dall'attuale 40% a poco più del 45% entro il 2030" aumentando "il livello di ambizione del contributo Ue" all'accordo di Parigi sul clima. Lo ha dichiarato il commissario Ue all'energia Miguel Arias Canete aprendo i lavori del MoCA, la conferenza sul clima organizzata da Ue, Cina e Canada che riunisce a Bruxelles rappresentanti di 35 Paesi. Per l'Italia partecipa il direttore generale sviluppo sostenibile del Ministero dell'ambiente, Francesco La Camera. "Mantenere lo spirito dell'accordo di Parigi" in vista del difficile appuntamento di Katovice a dicembre (Cop24), dove i paesi dovranno adottare le linee guida per l'applicazione dell'accordo, è stato il leitmotiv dei discorsi di apertura, tenuti da Canete, dal ministro canadese dell'ambiente e cambiamento climatico Catherine McKenna e dal rappresentante speciale cinese per il cambiamento climatico Xie Zhenhua.