Corte di Giustizia Ue, mercoledì 17.10.2018 - Sentenza C-249/17 su trasporto aereo (Ryanair)

Per leggere la sentenza emessa in data odierna cliccare qui:

http://curia.europa.eu/juris/document/document.jsf?text=&docid=206858&pageIndex=0&doclang=IT&mode=req&dir=&occ=first&part=1&cid=894101

Per questi motivi, la Corte (Prima Sezione) dichiara:

Gli articoli 4 e 17 della sesta direttiva 77/388/CEE del Consiglio, del 17 maggio 1977, in materia di armonizzazione delle legislazioni degli Stati Membri relative alle imposte sulla cifra di affari – Sistema comune di imposta sul valore aggiunto: base imponibile uniforme, devono essere interpretati nel senso che conferiscono a una società, come quella di cui trattasi nel procedimento principale, che intenda acquistare la totalità delle azioni di un’altra società, al fine di esercitare un’attività economica consistente nel fornire a quest’ultima prestazioni di servizi di gestione assoggettate all’imposta sul valore aggiunto (IVA), il diritto di detrarre integralmente l’IVA assolta a monte relativa alle spese inerenti a prestazioni di servizi di consulenza sostenute nell’ambito di un’offerta pubblica di acquisto, quand’anche risulti che tale attività economica non è stata realizzata, purché tali spese siano motivate esclusivamente dall’attività economica prevista.