Newsletter Finco n. 2/2018 - SUBAPPALTO: 10 BUONI MOTIVI PER DIFENDERE LA NORMATIVA NAZIONALE A BRUXELLES.

Newsletter Finco n. 2/2018

SUBAPPALTO: 10 BUONI MOTIVI PER DIFENDERE LA NORMATIVA NAZIONALE A BRUXELLES 

Il Tar Lombardia, con l’ordinanza 148 del 19 gennaio 2018, ha rinviato alla Corte di Giustizia Europea la questione di compatibilità dell’art. 105, comma 2, terzo periodo del D.Lgs. 50/2016 (Codice dei Contratti Pubblici) con la normativa comunitaria.  
 
Ad avviso di Finco, ci sono almeno dieci più che validi e fondati motivi per difendere la normativa nazionale.   Nella sezione relativa all’Approfondimento - ed a prescindere da interessi di parte che pur sarebbero legittimamente espressi in rappresentanza di un panorama imprenditoriale che nel sistema degli appalti valorizza la capacità tecnica, l’esperienza, l’innovazione, la qualificazione professionale e la specializzazione -  si riportano le argomentazioni di matrice comunitaria e di ordine nazionale che dovrebbero far propendere per un rigetto della questione da parte della Corte di Giustizia Europea e per una forte difesa da parte del Governo italiano della vigente normativa nazionale in tema di subappalto