Comunicato stampa FINCO del 7 febbraio 2019 - Sulla lettera di messa in mora che la Commissione Europea ha inviato all’Italia circa la normativa nazionale in materia di appalti pubblici.

Comunicato stampa FINCO in merito alla lettera di messa in mora che la Commissione Europea ha inviato all’Italia circa la normativa nazionale in materia di appalti pubblici. 

Roma, 7 febbraio 2019 - “Appaiono francamente poco condivisibili, per non dire inaccettabili, alcuni dei contenuti della lettera che la Commissione europea ha inviato all’Italia circa la normativa nazionale in materia di appalti pubblici - esordisce Carla Tomasi Presidente FINCO”. Va intanto precisato che lettere sono state recapitate ad altri 14 Stati membri (Bulgaria, Cipro, Cechia, Croazia, Danimarca, Finlandia, Germania, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Regno Unito, Romania, Svezia e Ungheria) ed altri Stati ancora stanno probabilmente per riceverle, visto che hanno completato il recepimento della Direttiva Europea in materia con grande ritardo. Siamo, dunque in buona compagnia; indice, probabilmente, del fatto che l’armonizzazione delle regole è, in generale, patrimonio comune, ma che ci sono specificità nazionali che ogni Stato sente il bisogno di “preservare”……………


Allegati