BOZZA DECRETO-LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI URGENTI IN MATERIA DI FAMIGLIA

BOZZA DECRETO-LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI URGENTI IN MATERIA DI FAMIGLIA

SCHEDA DI SINTESI

Il decreto legge in questione, composto di due articoli, destina maggiori risorse in favore delle famiglie, al fine di incentivare la natalità e supportare i nuclei famigliari con figli.

Nelle intenzioni del Governo, il sostegno alle famiglie può stimolare la crescita positiva del Paese, poiché la qualità della vita familiare determina la qualità della vita dell'intera società, favorendo il buon funzionamento delle istituzioni sociali, politiche, economiche ed educative.

Si intende puntare, pertanto, ad un riordino finalizzato a semplificare, razionalizzare e riorientare i benefici secondo principi di maggiore efficienza, efficacia ed equità, emanando politiche familiari più avanzate e incisive, con risorse più consistenti e specificatamente dedicate.

 

Articolo 1 (Costituzione del Fondo per le politiche per la natalità)

L'articolo 1 costituisce un Fondo specifico denominato Fondo per le politiche per la natalità presso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali. Tale Fondo è alimentato con le risorse derivanti dal Fondo per il reddito di cittadinanza (art. 12, comma 1, d.l. n. 4 del 2019) nel caso in cui si verifichino minori oneri rispetto a quelli attesi.

Pertanto, qualora nell'ambito del monitoraggio di cui all’art. 12, comma 1, d.l. n. 4 del 2019, siano accertati minori oneri rispetto a quanto previsto, tali risorse confluiscono nel Fondo per le politiche per la natalità.

Il Fondo in questione è finalizzato all'istituzione di un assegno per le famiglie con figli da individuare sulla base delle maggiori necessità, nonché delle altre misure disponibili a legislazione vigente.

Sarà emanato un decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, per definire i beneficiari e i criteri di utilizzo delle risorse, che saranno erogate dall'INPS.

Conseguentemente, è abrogato l'art. 12, comma 11, del d.l. n. 4 del 2019, secondo il quale tali eventuali risparmi sono versati nel Fondo di cui all'art. 1, comma 255, della legge di bilancio per il 2019 per essere destinate anche ai centri per l'impiego.

L'articolo 2, infine, disciplina l'entrata in vigore del decreto-legge.

 

 

 

A cura dell Dott. R. Orefice