Interrogazione a risposta scritta n. 004309-18 su Italian Sounding: la Commissione UE intervenga contro la contraffazione dei prodotti agroalimentari e la commercializzazione del falso Made in Italy.

In data 10 settembre 2018 è stata presentata l’interrogazione a risposta scritta n. 004309-18 su Italian Sounding: la Commissione UE intervenga contro la contraffazione dei prodotti agroalimentari e la commercializzazione del falso Made in Italy dall’eurodeputato Mara Bizzotto (ENF).

Per il testo:

Il 7 maggio 2018, durante la 19esima edizione di Cibus, fiera di settore dell'agroalimentare «Made in Italy», Coldiretti ha reso noto che negli ultimi dieci anni il valore della contraffazione alimentare nel mondo ai danni dei prodotti italiani è aumentato da 60 a oltre 100 miliardi di euro (+70 %). Il falso agroalimentare, definito «Italian sounding», genera una forte concorrenza ai danni dei produttori italiani e danneggia i consumatori che vengono ingannati dalle denominazioni che ricordano le eccellenze «Made in Italy».

Considerato che l'industria agroalimentare è uno dei settori di punta dell'economia italiana, che nel 2017 ha fatturato oltre 42 miliardi di euro; considerate le preoccupazioni dei produttori e degli operatori del settore agroalimentare italiano rispetto alla crescente contraffazione che toglie importanti quote di mercato ai veri prodotti italiani; preso atto delle dichiarazioni del presidente di Coldiretti Roberto Moncalvo, secondo cui sono falsi più di due su tre dei prodotti alimentari venduti come italiani e che il volume delle esportazioni del vero «Made in Italy» potrebbe più che triplicare se si riuscisse a bloccare la contraffazione;

Può la Commissione indicare:

  1. Come intende rafforzare la lotta alla contraffazione agroalimentare nei mercati internazionali per garantire una migliore tutela dei prodotti italiani?
  2. Quali altre azioni intende mettere in atto per salvaguardare le produzioni «Made in Italy» dai tentativi di falsificazione?