Consiglio dei ministri del 6 aprile 2018 - Comunicato stampa

Il Consiglio dei Ministri si è riunito oggi, venerdì 6 aprile 2018, alle ore 11.23 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente Paolo Gentiloni. Segretario la Sottosegretaria alla Presidenza Maria Elena Boschi.

LEGGI REGIONALI E GIUDIZI DI LEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Paolo Gentiloni, ha esaminato ventitré leggi regionali e ha quindi deliberato di non impugnare:

- la legge della Regione Molise n. 3 del 01/02/2018, recante “Bilancio di previsione pluriennale per il triennio 2018-2020”;

- la legge della Regione Sardegna n. 4 del 06/02/2018, recante “Disposizioni in materia di continuità territoriale marittima tra la Sardegna e la Corsica”;

- la legge della Regione Calabria n. 4 del 08/02/2018, recante “Ulteriori modifiche alla legge regionale 31 dicembre 2015, n. 35 (norme per i servizi di trasporto pubblico locale)”;

- la legge della Regione Calabria n. 5 del 08/02/2017 “Norme in materia di artigianato”;

- la legge della Regione Calabria n. 6 del 08/02/2018, recante “Modifiche all’articolo 3 della legge regionale 6 aprile 2017, n. 8 (disposizioni per la liquidazione della fondazione F.I.E.L.D. – “Fondazione innovazione emersione locale disegno del territorio” – e il trasferimento delle funzioni ad azienda Calabria lavoro)”;

- la legge della Regione Calabria n. 7 del 08/02/2018, recante “Norme per la tutela dei consumatori e degli utenti”;

- la legge della Regione Campania n. 2 del 12/02/2018, recante “Norme per la promozione dell’invecchiamento attivo e modifiche alla legge regionale 3 agosto 2013, n. 9 - Istituzione del servizio di Psicologia del territorio della Regione Campania”;

- la legge della Regione Campania n. 3 del 12/02/2018, recante “Azioni per il riutilizzo dei beni confiscati alla criminalità organizzata e disposizioni per il Piano regionale per i beni confiscati. Modifiche alla legge regionale 16 aprile 2012, n. 7”;

- la legge della Regione Campania n. 4 del 12/02/2018, recante “Riconoscimento di debito fuori bilancio ai sensi dell’articolo 73, comma 1, lettera a) del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 come modificato dal decreto legislativo 10 agosto 2014, n. 126. Importo complessivo 11.681,15”;

- la legge della Regione Campania n. 5 del 12/02/2018, recante “Riconoscimento di debito fuori bilancio ai sensi dell’articolo 73, comma 1, lettera a) del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 come modificato dal decreto legislativo 10 agosto 2014, n. 126. Importo complessivo euro 3.443.725,65”;

- la legge della Regione Campania n. 6 del 12/02/2018, recante “Riconoscimento di debito fuori bilancio ai sensi dell’articolo 73, comma 1, lettera a) del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 come modificato dal decreto legislativo 10 agosto 2014, n. 126. Importo complessivo euro 345.619,05”;

- la legge della Regione Campania n. 7 del 12/02/2018, recante “Riconoscimento di debito fuori bilancio ai sensi dell’articolo 73, comma 1, lettera a) del decreto legislativo 23 giugno - 2011, n. 118 come modificato dal decreto legislativo 10 agosto 2014, n. 126. Importo complessivo euro 134.685,69”;

- la legge della Regione Campania n. 8 del 12/02/2018, recante “Riconoscimento di debito fuori bilancio ai sensi dell’articolo 73, comma 1, lettera a) del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 come modificato dal decreto legislativo 10 agosto 2014, n. 126. Importo complessivo euro 57.244,55”;

- la legge della Regione Campania n. 9 del 12/02/2018, recante “Riconoscimento di debito fuori bilancio ai sensi dell’articolo 73, comma 1, lettera a) del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 come modificato dal decreto legislativo 10 agosto 2014, n. 126. Importo complessivo euro 38.044,32”;

- la legge della Regione Campania n. 10 del 12/02/2018, recante “Riconoscimento di debito fuori bilancio ai sensi dell’articolo 73, comma 1, lettera a) del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 come modificato dal decreto legislativo 10 agosto 2014, n. 126. Importo complessivo euro 2.986.073,79”;

- la legge della Regione Campania n. 11 del 12/02/2018, recante “Riconoscimento di debito fuori bilancio ai sensi dell’articolo 73, comma 1, lettera a) del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 come modificato dal decreto legislativo 10 agosto 2014, n. 126. Importo complessivo euro 9.320,73”;

- la legge della Regione Campania n. 12 del 12/02/2018, recante “Riconoscimento di debito fuori bilancio ai sensi dell’articolo 73, comma 1, lettera a) del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 come modificato dal decreto legislativo 10 agosto 2014, n. 126. Importo complessivo euro 1.645.778,28”;

- la legge della Regione Campania n. 13 del 12/02/2017 “Riconoscimento di debito fuori bilancio ai sensi dell’articolo 73, comma 1, lettera a) del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 come modificato dal decreto legislativo 10 agosto 2014, n. 126. Importo complessivo euro 254.825,53”;

- la legge della Regione Campania n. 14 del 12/02/2018, recante “Riconoscimento di debito fuori bilancio ai sensi dell’articolo 73, comma 1, lettera a) del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 come modificato dal decreto legislativo 10 agosto 2014, n. 126. Importo complessivo euro 20.278,50”;

- la legge della Regione Friuli Venezia Giulia n. 2 del 06/02/2018, recante “Modifiche alla legge regionale 8 agosto 2000, n. 15 (Norme per l’introduzione dei prodotti biologici, tipici e tradizionali nelle mense pubbliche e per iniziative di educazione alimentare), disposizioni in materia di agricoltura sociale e relative al Fondo di rotazione per interventi nel settore agricolo”;

- la legge della Regione Friuli Venezia Giulia n. 4 del 09/02/2018, recante “Disposizioni urgenti relative al distacco del Comune di Sappada/ Plodn dalla Regione Veneto e all’aggregazione alla Regione autonoma Friuli Venezia Giulia e altre norme urgenti”;

- la legge della Provincia di Bolzano n. 1 del 09/02/2018, recante “Norme in materia di personale”;

- la legge della Regione Piemonte n. 3 del 09/02/2018, recante “Modifiche alla legge regionale 24 marzo 2000, n. 31 (Disposizioni per la prevenzione e lotta all’inquinamento luminoso e per il corretto impiego delle risorse energetiche)”.

- Inoltre, il Consiglio dei Ministri ha deliberato la rinuncia parziale all’impugnativa della legge della Regione Toscana n. 21 del 04/05/2017, recante “Nuove disposizioni in materia di accreditamento delle strutture e dei servizi alla persona del sistema sociale integrato - Modifiche alla l.r. 82/2009 e alla l.r. 51/2009”.

*

Infine, il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Paolo Gentiloni, ha deliberato la determinazione d’intervento nei giudizi di legittimità costituzionale promossi dalle Regioni Veneto, Toscana, Sardegna, Sicilia, Valle d’Aosta e dalla Provincia autonoma di Trento, avverso taluni articoli della legge 27 dicembre 2017, n. 205, recante “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020”.

*****

Il Consiglio dei Ministri è terminato alle ore 11.35.