Consiglio dei Ministri, comunicato stampa del 25 Ottobre 2018. Fonte Governo.it

Il Consiglio dei Ministri si è riunito oggi, giovedì 25 ottobre 2018, alle ore 19.32 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente Giuseppe Conte. Segretario il Sottosegretario alla Presidenza Giancarlo Giorgetti.

*****

RIFORMA PER LA CONCRETEZZA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Interventi per la concretezza delle azioni delle pubbliche amministrazioni e la prevenzione dell’assenteismo (disegno di legge collegato alla legge di bilancio 2019)

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro per la pubblica amministrazione Giulia Bongiorno, ha approvato un disegno di legge che prevede interventi per la concretezza delle azioni delle pubbliche amministrazioni e la prevenzione dell’assenteismo.

L’obiettivo delle nuove norme è quello di individuare soluzioni concrete per garantire l’efficienza della pubblica amministrazione, il miglioramento immediato dell’organizzazione amministrativa e l’incremento della qualità dei servizi erogati ai cittadini.

Il disegno di legge in particolare prevede:

l’istituzione, presso il Dipartimento della funzione pubblica, del “Nucleo delle azioni concrete di miglioramento dell’efficienza amministrativa” (Nucleo della concretezza), che avrà una funzione di supporto dell’attività delle pubbliche amministrazioni. Il Nucleo verificherà l’attuazione delle disposizioni in materia di organizzazione e funzionamento delle pubbliche amministrazioni e potrà individuare eventuali azioni correttive;

l’applicazione di sistemi di rilevazione delle presenze in servizio basati anche sull’utilizzo di dati biometrici, con l’obiettivo di contrastare drasticamente le attestazioni false di presenza.

Al fine di valorizzare la produttività del personale pubblico, il testo prevede, inoltre, l’adeguamento della dotazione dei fondi destinati al trattamento economico accessorio.

Tra le altre misure, si segnalano in particolare l’obbligo per le amministrazioni dello Stato, anche ad ordinamento autonomo, nonché per le Agenzie e gli enti pubblici non economici, di elaborare il piano dei fabbisogni del personale, per assicurare il ricambio generazionale e la migliore organizzazione del lavoro; la possibilità di procedere ad assunzioni di personale a tempo indeterminato nel limite di una spesa pari al 100% di quella relativa al personale di ruolo cessato nell’anno precedente (turn over al 100%); la possibilità di procedere ad assunzioni nel triennio 2019-2021 in deroga a talune previsioni e secondo procedure semplificate.

*****

RATIFICA DI ACCORDI INTERNAZIONALI

Ratifica ed esecuzione dell’Accordo transattivo fra il Governo della Repubblica italiana e la Comunità europea dell’Energia atomica sui principi governanti le responsabilità di gestione dei rifiuti radioattivi del sito del Centro comune di ricerca di Ispra, con appendice, fatto a Bruxelles il 27 novembre 2009 (disegno di legge)

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale Enzo Moavero Milanesi, ha approvato il disegno di legge per la ratifica dell’Accordo transattivo fra il Governo della Repubblica italiana e la Comunità europea dell’energia atomica relativo alla gestione dei rifiuti radioattivi del sito del Centro comune di ricerca di Ispra, con Appendice, sottoscritto a Bruxelles il 27 novembre 2009. L’accordo prevede la bonifica del sito ove si trova l’impianto, che non è in produzione dal 1972.

*****

RIORDINO DELLE CARRIERE DELLE FORZE ARMATE E DI POLIZIA

Deleghe al Governo per l’adozione di disposizioni integrative e correttive dei decreti legislativi 29 maggio 2017, numeri 94 e 95, in materia di revisione dei ruoli e riordino delle carriere del personale delle Forze armate e delle Forze di polizia (disegno di legge)

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro della difesa Elisabetta Trenta, ha approvato un disegno di legge che prevede la delega al Governo per l’adozione di disposizioni integrative e correttive dei decreti legislativi in materia di riordino delle carriere del personale delle forze armate e delle forze di polizia.

L’obiettivo della delega è quello di garantire l’equiordinazione tra le forze armate e quelle di polizia, colmando un disallineamento tra le principali leggi delega di disciplina dei comparti “difesa” e “sicurezza”, in modo da conformarsi anche ai pareri espressi dalle Commissioni parlamentari competenti nella fase di adozione dei decreti legislativi già citati.

Nell’esercitare la delega non si incide sulle dotazioni organiche complessive ma si prevede l’utilizzo delle risorse già stanziate e confermate con il decreto-legge “Sicurezza” (decreto-legge 4 ottobre 2018, n. 113), attualmente in fase di conversione.

*****

PIANO DEI CONTI INTEGRATO DELLE AMMINISTRAZIONI CENTRALI

Regolamento concernente la definizione della struttura del piano dei conti integrato delle amministrazioni centrali dello Stato, ai sensi dell’articolo 38-ter della legge 31 dicembre 2009, n. 196 (decreto del Presidente della Repubblica)

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte e del Ministro dell’economia e delle finanze Giovanni Tria, ha approvato un regolamento, da attuarsi mediante decreto del Presidente della Repubblica, che introduce disposizioni relative alla definizione della struttura del piano dei conti integrato delle amministrazioni centrali dello Stato, ai sensi dell’articolo 38-ter della legge 31 dicembre 2009, n. 196.

Il regolamento definisce le modalità operative attraverso le quali introdurre il piano dei conti delle amministrazioni centrali dello Stato, al fine di armonizzarne il sistema contabile con quelli delle altre amministrazioni pubbliche. In particolare, viene prevista l’integrazione e la coerenza tra le rilevazioni contabili di natura finanziaria e quelle di natura economica e patrimoniale; il consolidamento nelle fasi di previsione, della gestione e rendicontazione delle entrate, delle spese, dei costi/oneri e dei proventi/ricavi, nonché il monitoraggio in corso d’anno degli andamenti di finanza pubblica delle amministrazioni centrali dello Stato; una maggiore tracciabilità delle informazioni nelle varie fasi di rappresentazione contabile e una maggiore attendibilità e trasparenza dei dati contabili, valutabili anche in sede di gestione dei bilanci pubblici mediante il sistema di contabilità integrata.

*****

ORGANI DI AMMINISTRAZIONE DELLA CASSA UFFICIALI E DEL FONDO DI PREVIDENZA PER SOTTUFFICIALI, APPUNTATI E FINANZIERI DELLA GUARDIA DI FINANZA

Modifiche alla composizione degli organi di amministrazione della Cassa ufficiali e del Fondo di previdenza per sottufficiali, appuntati e finanzieri della Guardia di finanza, a norma dell’articolo 6, comma 5, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122 (decreto del Presidente della Repubblica – esame definitivo)

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte e del Ministro dell’economia e delle finanze Giovanni Tria, ha approvato, in esame definitivo, un regolamento, da attuarsi mediante decreto del Presidente della Repubblica, che introduce modifiche alla composizione degli organi di amministrazione della Cassa ufficiali e del Fondo di previdenza per sottufficiali, appuntati e finanzieri della Guardia di finanza, a norma dell’articolo 6, comma 5, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122.

*****

REGISTRO PUBBLICO DELLE OPPOSIZIONI

Modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 7 settembre 2010, n. 178, ai sensi dell’articolo 1, comma 54, della legge 4 agosto 2017, n. 124, in materia di registro pubblico delle opposizioni, con riguardo all’impiego della posta cartacea (decreto del Presidente della Repubblica – esame definitivo)

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte e del Ministro dello sviluppo economico Luigi Di Maio, ha approvato, in esame definitivo, un regolamento, da attuarsi mediante decreto del Presidente della Repubblica, che introduce modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 7 settembre 2010, n. 178, ai sensi dell’articolo 1, comma 54, della legge 4 agosto 2017, n. 124, in materia di registro pubblico delle opposizioni, con riguardo all’impiego della posta cartacea.

Il testo estende quanto già previsto in tema di Registro pubblico delle opposizioni al telemarketing via posta cartacea per gli indirizzi presenti negli elenchi telefonici pubblici. Inoltre, per consentire una gestione del servizio il più possibile automatizzata, si elimina la modalità di iscrizione tramite fax, mantenendo quelle tramite web, telefono, e-mail e tramite posta raccomandata quale mezzo residuale.

Il testo ha ottenuto il parere favorevole dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e tiene conto delle osservazioni formulate dal Garante per la protezione dei dati personali, nonché dei pareri del Consiglio di Stato e delle Commissioni parlamentari competenti.

*****

DOCUMENTO UNICO DI CIRCOLAZIONE E DI PROPRIETÀ PER I VEICOLI

Modifiche agli articoli 245, 247, 264 e 402 del regolamento di esecuzione e attuazione del nuovo Codice della strada, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495 (decreto del Presidente della Repubblica)

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte e del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Danilo Toninelli, ha approvato un regolamento, da attuarsi mediante decreto del Presidente della Repubblica, che modifica il regolamento di esecuzione e attuazione del nuovo Codice della strada.

Il regolamento adegua la normativa vigente all’introduzione del documento unico di circolazione e di proprietà per i veicoli assoggettati al regime dei mobili registrati.

*****

IDONEITÀ PSICOFISICA DEI CONDUCENTI DEI VEICOLI A MOTORE

Modifica dell’articolo 331 del decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495, concernente i certificati medici attestanti l’idoneità psicofisica dei conducenti dei veicoli a motore (decreto del Presidente della Repubblica – esame preliminare)

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte e del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Danilo Toninelli, ha approvato, in esame preliminare, un regolamento, da attuarsi mediante decreto del Presidente della Repubblica, che introduce nuove norme sui certificati medici attestanti l’idoneità psicofisica dei conducenti di veicoli a motore.

La modifica prevede la sostituzione di tre certificati con un unico modello di attestazione del possesso dei requisiti di idoneità psicofisica. Nella nuova attestazione non sono più riportati alcuni dati sensibili attualmente previsti ma solo i dati anagrafici del soggetto sottoposto ad accertamento, il giudizio di idoneità al rilascio o alla conferma di validità della patente di guida, la prescrizione di eventuali adattamenti, protesi o ortesi o limitazioni alla guida in funzione dell’invalidità del conducente, riportati con i codici comunitari armonizzati. Questo processo si inquadra nell’obiettivo fissato dal Codice dell’amministrazione digitale, che impone alle amministrazioni pubbliche di favorire il processo di dematerializzazione degli atti procedimentali.

*****

COMITATO PARITETICO PER I PROBLEMI DELLA MINORANZA SLOVENA

Modifiche ed integrazioni al decreto del Presidente della Repubblica 27 febbraio 2002 n. 65, regolamento per l’istituzione ed il funzionamento del Comitato istituzionale paritetico per i problemi della minoranza slovena, a norma dell’articolo 3 della legge 23 febbraio 2001, n.38

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte e del Ministro per gli affari regionali e le autonomie Erika Stefani, ha approvato un regolamento, da attuarsi mediante decreto del Presidente della Repubblica, che modifica il funzionamento del Comitato istituzionale paritetico per i problemi della minoranza slovena.

Tra le altre innovazioni, il testo specifica che il Comitato è un organismo permanente di raccordo tra le istituzioni pubbliche e la minoranza linguistica slovena; pone rimedio all’anomalia legata alla assenza di disciplina in ordine alla durata in carica dei componenti dell’organo collegiale prevedendo che i suoi componenti durino in carica 5 anni; introduce la figura del Segretario del Comitato.

*****

NOMINE

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro della difesa Elisabetta Trenta, ha deliberato:

  • il conferimento dell’incarico di Capo di stato maggiore della difesa al generale di squadra aerea Enzo VECCIARELLI;
  • il conferimento dell’incarico di Capo di stato maggiore dell’Aeronautica militare al generale di squadra aerea Alberto ROSSO;
  • l’avvio della procedura per la nomina del Generale di corpo d’armata Agostino BIANCAFARINA a Presidente della Cassa di previdenza delle Forze armate.
  • *****

SCIOGLIMENTO DI CONSIGLI COMUNALI

Il Consiglio dei Ministri, in esito ad approfonditi accertamenti dai quali sono emerse forme di ingerenza da parte della criminalità organizzata che espongono l’amministrazione a pressanti condizionamenti e ne compromettono il buon andamento, su proposta del Ministro dell’interno Matteo Salvini, ha deliberato lo scioglimento dei Consigli comunali di Crucoli e di Casabona, entrambi in provincia di Crotone, a norma dell’articolo 143 del Testo unico degli enti locali (decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267).

*****

LEGGI REGIONALI

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro per gli affari regionali e le autonomie Erika Stefani, ha esaminato tredici leggi delle Regioni e delle Province Autonome e ha quindi deliberato

di impugnare la legge della Regione Molise n. 8 del 12/09/2018, recante “Disposizioni in merito alle vaccinazioni per i minori di età”, in quanto alcune norme, riguardanti gli obblighi di vaccinazione ai fini dell’iscrizione e dell’accesso dei minori d’età alle scuole dell’infanzia e ai servizi educativi per l’infanzia, eccedono dalle competenze regionali e intervengono in un ambito nel quale sono prevalenti gli aspetti ascrivibili ai principi fondamentali in materia di tutela della salute e di profilassi internazionale, riservati alle competenze legislative dello Stato, ai sensi dell’art. 117, comma terzo, e comma secondo, lettera q), della Costituzione. Esse ledono altresì il principio di eguaglianza di cui all’art. 3 Costituzione e la competenza riservata allo Stato dall’art. 117, secondo comma, lett. n), della Costituzione, in materia di “norme generali sull’istruzione”, che mirano a garantire che la frequenza scolastica avvenga in condizioni sicure per la salute di ciascun alunno;

 

di non impugnare:

- il Testo di deliberazione statutaria Regione Toscana pubblicato sul Bollettino ufficiale regionale n. 43 del 26/09/2018, recante “Testo di deliberazione statutaria della Regione Toscana approvato a norma dell’articolo 123, secondo comma, della Costituzione. Disposizioni in materia di sviluppo sostenibile ed economia circolare. Modifiche agli articoli 3 e 4 dello Statuto”;

- la legge della Regione Marche n. 35 del 28/08/2018, recante “Modifiche alle leggi regionali 13 maggio 2003, n. 9 ‘Disciplina per la realizzazione e gestione dei servizi per l’infanzia, per l’adolescenza e per il sostegno alle funzioni genitoriali e alle famiglie e modifica della legge regionale 12 aprile 1995, n. 46 concernente ‘Promozione e coordinamento delle politiche di intervento in favore dei giovani e degli adolescenti’’ e 9 agosto 2017, n. 28 “Disposizioni relative all’esercizio delle funzioni regionali concernenti la prevenzione vaccinale”;

- la legge della Provincia di Trento n. 16 del 03/09/2018, recante “Bilancio di previsione della Provincia autonoma di Trento per gli esercizi finanziari 2019 – 2021”;

- la legge della Regione Liguria n. 16 del 06/09/2018, recante “Modifiche alla legge regionale 3 dicembre 2007, n. 39 (Programmi regionali di intervento strategico (P.R.I.S.) per agevolare la realizzazione delle grandi opere infrastrutturali attraverso la ricerca della coesione territoriale e sociale. Modifiche alla legge regionale 3 dicembre 2007, n. 38 (Organizzazione dell’intervento regionale nel settore abitativo)”;

- la legge della Regione Trentino Alto Adige n. 7 del 13/09/2018, recante “Bilancio di previsione della Regione autonoma Trentino-Alto Adige/Südtirol per gli esercizi finanziari 2019-2021”;

- la legge della Regione Toscana n. 51 del 14/09/2018, recante “Disposizioni relative alla prevenzione vaccinale”;

- la legge della Regione Toscana n. 52 del 17/09/2018, recante “Interventi straordinari a favore delle associazioni pro loco”;

- la legge della Regione Basilicata n. 21 del 19/09/2018, recante “Bilancio di previsione finanziario per il triennio 2018/2020 dell’Azienda regionale per il diritto allo studio universitario (A.R.D.S.U.)”;

- la legge della Regione Basilicata n. 22 del 19/09/2018, recante “Bilancio di previsione finanziario per il triennio 2018/2020 dell’ Agenzia Lucana di Sviluppo ed innovazione in Agricoltura (A.L.S.I.A)”;

- la legge della Regione Basilicata n. 23 del 19/09/2018, recante “Istituzione del Fondo Unico Autonomie Locali (F.U.A.L.)”;

- la legge della Provincia di Bolzano n. 19 del 18/09/2018, recante “Variazioni al bilancio di previsione della Provincia autonoma di Bolzano per gli esercizi 2018, 2019 e 2020”;

- a legge della Regione Sardegna n. 38 del 13/09/2018, recante “Proroga delle graduatorie dei concorsi pubblici per le assunzioni a tempo indeterminato delle aziende del sistema sanitario regionale e modifiche alla legge regionale n. 17 del 2016”.

- Infine, il Consiglio dei Ministri ha deliberato la rinuncia la rinuncia all’impugnativa della legge della Regione Campania n. 30 del 9 agosto 2107, recante “Interventi di lotta al tabagismo per la tutela della salute”.

*****

Il Consiglio dei Ministri è terminato alle 20.34.